Sensori TPMS sull'auto: come funzionano ?

Caricamento...

Uno studio statunitense ha rivelato che più di sei auto su dieci (circa cinque su dieci in Italia) circolano con uno o più pneumatici insufficientemente gonfiati. La guida con pressione bassa può però essere molto pericolosa, in quanto fattore che favorisce forature dei pneumatici e incidenti.

Per aiutare gli automobilisti a tenere sotto controllo la pressione dei pneumatici, c'è il Tire Pressure Monitoring System , TPMS , sistema di monitoraggio che controlla il livello di pressione dei pneumatici di un veicolo. Ma come funziona esattamente?

Cosa sono e a cosa servono i sensori TPMS ?

Il sistema TPMS consta di sensori che hanno il compito di identificare la pressione dei pneumatici. Una volta analizzato il livello del momento, i sensori inviano le informazioni raccolte al computer di bordo o al display digitale del veicolo. L'indicatore può assumere la forma di una spia luminosa o mostrare dati precisi relativi alla pressione dei pneumatici.

Due sistemi diversi

Esistono due differenti sistemi TPMS:

  • Il sistema TPMS indiretto
  • Il sistema TPMS diretto

Entrambe le versioni risultano affidabili, ma ciascuna dispone di caratteristiche specifiche. Il TPMS indiretto segnala al conducente la pressione dei pneumatici solo se questi non sono gonfiati in modo sufficiente. Il TPMS diretto, invece, può trasmettere il valore esatto della pressione di tutti e quattro i pneumatici montati sul veicolo attraverso un display a LED.

Come funzionano?

Il TPMS diretto è il modello più comune e senz'altro il più efficiente. Misura la pressione mediante sensori elettronici situati all'interno di ogni pneumatico. Consente di monitorare accuratamente tutti i pneumatici per verificare un eventuale sovra o sotto gonfiaggio.

Il sistema TPMS indiretto calcola la pressione dei pneumatici attraverso il sistema antibloccaggio. I sensori utilizzano il sistema ABS per analizzare la velocità delle ruote e quindi determinare se il pneumatico è sotto gonfiato. In genere, quando un pneumatico gira più velocemente rispetto agli altri, significa che soffre di una diminuzione di pressione.

Dove si trova il sensore TPMS sul pneumatico ?

I sensori TPMS diretti sono posizionati nei tappi delle valvole, all'interno dei pneumatici. A volte possono essere installati nel corpo stesso della valvola. I sensori TPMS in un sistema indiretto sono gli stessi dei sensori ABS.

Con il sistema diretto, i sensori possono essere facilmente sostituiti durante le operazioni di riparazione o manutenzione del mezzo. A tale scopo, è sufficiente svitare le valvole e cambiare la dotazione necessaria. Di solito, gli specialisti del settore consigliano di sostituire non solo il sensore, ma anche tutte le parti circostanti, ovvero il rivestimento della valvola, il dado e le guarnizioni di tenuta.

Quali sono i loro vantaggi e le loro finalità ?

I sensori TPMS comportano molti vantaggi al conducente.

Sicurezza

Secondo gli ultimi dati ministeriali, nel periodo estivo i pneumatici sotto gonfiati sono responsabili del 15% degli incidenti stradali mortali. Un calo di pressione di 0,5 bar è sufficiente a causare lo scoppio del pneumatico in condizioni di caldo intenso.

Quando un pneumatico è sotto gonfiato, il comportamento del veicolo ne risente per vari aspetti (frenata, tenuta di strada, ecc.) e le sue prestazioni diminuiscono notevolmente.

Risparmio economico

Controllare regolarmente il livello di pressione dei pneumatici ne aumenta la durata. Un pneumatico sotto gonfiato è infatti soggetto a un'usura più rapida che danneggia velocemente l'affidabilità del prodotto.

In questo caso, il conducente si trova obbligato a sostituire uno o più pneumatici.

Attenzione all'ambiente

Spesso i conducenti non ne sono consapevoli, ma un pneumatico con corretta pressione limita la resistenza al rotolamento del veicolo. Quanto più bassa è tale resistenza, tanto minore è l'energia richiesta dal veicolo per funzionare e tanto minore è di conseguenza il consumo di carburante.

In altre parole, se tutti i pneumatici del veicolo hanno una pressione normale, consumano meno energia e automaticamente producono un quantitativo più basso di CO2.

Come capire se un'auto è dotata di sensori TPMS ?

Esistono alcuni passaggi piuttosto semplici per scoprire se un'auto è dotata o meno di sensori TPMS.

Regolamento europeo dal 2014

Innanzitutto, si può fare riferimento alla normativa europea, la quale dal 1° novembre 2014 stabilisce che tutti i veicoli devono essere dotati di un sistema TPMS. Le tipologie di veicoli interessate all'obbligo sono autovetture, 4x4 e camper. Pertanto, ogni automobilista che possiede un modello di veicolo successivo al 2014 può avere la certezza che sia equipaggiato di sensori TPMS.

Presenza di una spia sul cruscotto

È anche possibile controllare direttamente tramite il cruscotto o il display a LED del veicolo. Se è presente una spia TPMS o qualsiasi altro indicatore correlato, non ci sono dubbi riguardo all'avvenuta installazione dei sensori.